Via libera al taglio dei vitalizi. Di Maio: “Giorno atteso da 60 anni”. Ma Fi attacca: “Italiani imbrogliati”

Loading...

ROMA – L’ufficio di presidenza della Camera ha dato disco verde alla delibera del presidente Roberto Fico che taglia i vitalizi degli ex deputati, ricalcolando gli assegni percepiti in base al metodo contributivo. I sì sono stati 11: 9 della maggioranza M5s e Lega, 1 del Pd e 1 di Fdi. I deputati di Forza Italia si sono astenuti. La delibera sarà effettiva a partire dal primo gennaio 2019, ha annunciato Fico che è stato il portabandiera dell’iniziativa. Precedentemente l’entrata in vigore era stata fissata al primo novembre di quest’anno. “Non temo i ricorsi, la Carta è stata rispettata”, ha detto il presidente della Camera. E assicura: “Il Senato farà le sue valutazioni e andrà avanti e arriverà a una conclusione simile”.

L’esultanza di Di Maio
“Finalmente è arrivato. Oggi è il giorno che gli italiani aspettavano da sessant’anni: quel momento fatidico che abbiamo regalato ai nostri cittadini in cento giorni di governo”. Luigi Di Maio, ancor prima del verdetto dell’Ufficio di presidenza, ha esultato per il taglio dei vitalizi. Taglio che, al momento, interessa 1240 deputati: gli ex senatori sono esclusi perché, a Palazzo Madama, la presidente Maria Elisabetta Alberti Casellati vuole prima fugare le nubi di anticostituzionalità che si addensano sulla proposta.

L’hashtag e i palloncini in piazza
Il leader del M5S, nel tentativo di arginare l’Opa leghista sul governo, stava battendo ormai da giorni la grancassa del taglio dei vitalizi, delle pensioni d’oro e dei privilegi. E oggi ha persino lanciato l’hashtag #ByeByeVitalizi invitando tutti a postare sui social un video o una foto: “Fate ciao ciao con la mano per salutare il privilegio che se ne va. Prendiamoci questa piccola rivincita. La prima di tante che ci aspettano”. Subito dopo il sì dell’ufficio di presidenza i parlamentari M5S sono usciti in piazza Montecitorio per festeggiare con il lancio di palloncini gialli e bottiglie di bollicine. Di Maio ha incalzato il Senato: “Prenda esempio”. Ha aggiunto che i ricorsi in arrivo non lo preoccupano e ha anche dedicato “l’abolizione dei vitalizi a tutte le vittime della legge Fornero e a tutta quella gente a cui hanno tagliato i diritti per favorire i privilegi”.

Anche il presidente della Camera Fico, artefice della delibera, ha espresso la sua soddisfazione: “Finalmente ripariamo a un’ingiustizia sociale”.

Gli avvertimenti di Forza Italia
A Montecitorio, nel giorno in cui l’affaire del tribunale di Bari sollevato da Repubblica rischia di guastare un po’ la festa pentastellata, l’ufficio di presidenza sui vitalizi è stato preceduto da una serie di avvertimenti. La proposta a firma del presidente Fico, hanno affermato i forzisti Mara CarfagnaGregorio Fontana e Francesco Scoma, rispettivamente vicepresidente, questore e segretario d’aula alla Camera, assieme alla capogruppo Maria Stella Gelmini, va modificata. Il motivo: “Non risponde ai criteri di legittimità costituzionale ed è certamente destinata, in questa formulazione, a essere impugnata e annullata dagli organi giurisdizionali”.

error: Content is protected !!